TRENO IN CASA

Reply

Lanterne di coda Lampeggianti

« Older   Newer »
view post Posted on 19/5/2011, 08:04 Quote

Utente che Supporta Attivamente il Forum

Group:
Member
Posts:
2,342

Status:


Il condensatore elettrolitico in parallelo all'alimentazione, serve per compensare i falsi contatti che avvengono a veicolo in movimento
 
PM Email  Top
view post Posted on 19/5/2011, 09:01 Quote
Avatar

Utente che Supporta Attivamente il Forum

Group:
Member
Posts:
2,053
Location:
Palermo

Status:


Esattamente, ma bastano 220 microfarad.

Josef

AMICI FERMODELLISTI RICORDATE: IL MERCATO LO FACCIAMO NOI !!! Modellista/Plasticista in H0 solo FS, Epoca III-IV-V e poco XMPR, plastico modulare in progress, trazione digitale DCC;
ALTRO: Informatica e tecnica Hardware, fotografia;
 
PM Email  Top
view post Posted on 19/5/2011, 19:13 Quote
Avatar

Utente che Supporta Attivamente il Forum

Group:
Member
Posts:
6,732
Location:
Parma

Status:


Dipende da comè strutturato il plastico. Se con deviatoi a cuore polarizzato un 220 uF va più che bene. Ma se il cuore è isolato è meglio 500 uF, altrimenti si ha un reset od un tentennamento del lampeggio ad ogni deviata. Il circuito assorbe circa 45 mA (dipende dalla frequenza di lampeggio dei 2 led) quindi sulla deviata il condensatore elettrolitico si scarica mandando in reset l'integrato.

E' cosa da poco ma un brutto vedere.

Roberto Alinovi

Plastico H0 in costruzione, epoca III-IV
 
PM Email  Top
view post Posted on 19/5/2011, 23:40 Quote
Avatar

Utente che Supporta Attivamente il Forum

Group:
Member
Posts:
2,053
Location:
Palermo

Status:


E chiaro Roberto, un 220uF assicura una "riserva" di corrente solo per una manciata di millisecondi, nell'attraversamento di deviatoi non polarizzati la capacità "crolla" e si ha il reset del circuito, ma la cosa si nota solo se il treno percorre lo scambio a bassa velocità, da prove fatte ti assicuro che la cosa è trascurabile. Comunque è bene mettere in luce tutti gli aspetti del funzionamento :ok1:

Josef

AMICI FERMODELLISTI RICORDATE: IL MERCATO LO FACCIAMO NOI !!! Modellista/Plasticista in H0 solo FS, Epoca III-IV-V e poco XMPR, plastico modulare in progress, trazione digitale DCC;
ALTRO: Informatica e tecnica Hardware, fotografia;
 
PM Email  Top
view post Posted on 19/5/2011, 23:55 Quote
Avatar

Utente che Supporta Attivamente il Forum

Group:
Member
Posts:
6,732
Location:
Parma

Status:


CITAZIONE (josefloco61 @ 19/5/2011, 23:40) 
E chiaro Roberto, un 220uF assicura una "riserva" di corrente solo per una manciata di millisecondi, nell'attraversamento di deviatoi non polarizzati la capacità "crolla" e si ha il reset del circuito, ma la cosa si nota solo se il treno percorre lo scambio a bassa velocità, da prove fatte ti assicuro che la cosa è trascurabile. Comunque è bene mettere in luce tutti gli aspetti del funzionamento :ok1:

Josef

@ Josef: E' proprio quello che volevo fare. Mettere in luce i vari aspetti ed eventuali problemi.
E' chiaro che poi ognuno, in base alle proprie esigenze, ne trae le conclusioni.
Nel mio plastico per esempio (ancora in alto mare) da prove fatte su deviate a bassa velocità (rispetto del limite dei 30 Km/h in 1/87) ho addirittura non solo il reset ma il tentennamento di luminosità (da dire che la carrozza ha la presa solo su un carrello). Quindi ho messo un condensatore da 1000 uF. Con presa di corrente su entrambi i carrelli sulle 2 rotaie il problema non sussiste, quindi un 220 uF è più che sufficiente. :ok1: :ok1:

Roberto Alinovi

Plastico H0 in costruzione, epoca III-IV
 
PM Email  Top
view post Posted on 7/3/2012, 18:30 Quote
Avatar

Smistatore

Group:
Member
Posts:
405
Location:
Napoli

Status:


CITAZIONE (Schunt @ 6/9/2010, 07:18) 
Questo schema che posto riguarda un lampeggiatore doppio indipendente, cioe' che ogni luce si regola con un trim a se stante, per cui otteniamo l'effetto luci di coda.

nella parte inferiore c'e' lo schema per l'alimentazione dalle ruote, per cui analogamente alla illuminazione, esso viene alimentato anche in digitale.

Costo del tutto intorno ai 5 € !


lampdop.jpg

Potresti cortesemente re/postare lo schema del circuito?il link non è più funzionante!
grazie

FRANCESCO

scala H0 collezionista epoca IIIb-IV-V FS,SBB,OBB,DB
 
PM Email  Top
pierluigi1954
view post Posted on 7/3/2012, 19:28 Quote




Eccoli:

elenco componenti

PCB led flasher

Ciao :ok1:
 
Top
view post Posted on 8/3/2012, 01:31 Quote
Avatar

Smistatore

Group:
Member
Posts:
405
Location:
Napoli

Status:


GRAZIE!

FRANCESCO

scala H0 collezionista epoca IIIb-IV-V FS,SBB,OBB,DB
 
PM Email  Top
view post Posted on 8/3/2012, 14:56 Quote
Avatar

Smistatore

Group:
Member
Posts:
405
Location:
Napoli

Status:


CITAZIONE (roy67 @ 2/4/2011, 00:06) 
Eccomi qua.

PCB lato piste:
pcblatopiste.th

PCB lato componenti:
pcblatocomponenti.th

Non ho inserito nella PCB il condensatore da 100 uF in quanto, per questioni di ingombri è meglio metterlo "sciolto".

L'elenco componenti è nello schema elettrico all'inizio.
Comunque:

IC1= Integrato NE 556
C1= Condensatore elettrolitico 100uF 25V (non nel PCB, collegato in parallelo all'alimentazione)
C2= Condensatori elettrolitici 25 uF 25V
C3= Condensatori poliestere 10 nF
R1= Resistenze 1Kohm 1/2W (Marrone-Nero-Rosso)
R2= Resistenze 47 Kohm 1/2W (Giallo-Viola-Arancio)
R3= Resistenze 470 Ohm 1/2W (Giallo-Viola-Marrone)
R4= Trimmer 100 Kohm.


N.B. Nelle resistenze talvolta il colore viola è confondibile con il blu, dipende dal colore di base della resistenza. Tale colore viene quindi sostituito con il Fucsia per differenziarlo con il blu. Rimane sottointeso che il Viola o Fucsia hanno lo stesso valore "7" e sono quindi equivalenti.

Salve Roy
scusami ma a rischio di sembrare banale vorrei chiederti se lo schema qui allegato è quello per il funzionamento in analogico.e se si vorrei capire dove inserire i fili per collegare il circuitino direttamente alle rotaie.
grazie e scusami per la mia ignoranza elettronica ma essendo principalmente vetrinista e non avendo plastico su queste cose sono molto inesperto

FRANCESCO

scala H0 collezionista epoca IIIb-IV-V FS,SBB,OBB,DB
 
PM Email  Top
view post Posted on 8/3/2012, 15:17 Quote
Avatar

Smistatore

Group:
Member
Posts:
405
Location:
Napoli

Status:


e poi...mi spiegheresti come si effettua il collegamento in parallelo all alimentazione del condensatore da 100microFarad? :uhhh: :per_f:

FRANCESCO

scala H0 collezionista epoca IIIb-IV-V FS,SBB,OBB,DB
 
PM Email  Top
view post Posted on 11/3/2012, 01:44 Quote
Avatar

Utente che Supporta Attivamente il Forum

Group:
Member
Posts:
6,732
Location:
Parma

Status:


Ciao Francesco.

Allora: Il condensatore in parallelo lo colleghi con i reofori (piedini) ai 2 fili d'ingresso, contrassegnati "+" e "-" rispettando la polarità.
Conviene metterlo "sciolto", intendendo che è meglio metterlo al di fuori del PCB per questioni d'ingombro. E' grandicello, quindi si può nascondere in uno scompartimento od in un vestibolo della carrozza. In caso di carro merci il problema non si pone.

Dallo schema si vede l'inizio circuito (parte superiore del PCB) con 2 occhielli contrassegnati "+" e "-".
Quelli sono i contatti ove collegare i fili che vanno alle rotaie.
In caso di utilizzo in analogico bisogna inserire un ponte diodi per concordare la polarità del circuito con l'eventuale inversione della polarità sui binari.
Purtroppo non riesco a farti degli schemi, devo installare un nuovo programma grafico. Quello vecchio non gira su "Win 7"..... Abbi pazienza.

Roberto Alinovi

Plastico H0 in costruzione, epoca III-IV
 
PM Email  Top
view post Posted on 11/3/2012, 23:53 Quote
Avatar

Smistatore

Group:
Member
Posts:
405
Location:
Napoli

Status:


grazie Rob per la tua sempre celere disponibilità,aspetterò,nel frattempo mi diletto a fare un pò di "invecchiamento" di carri merci.

FRANCESCO

scala H0 collezionista epoca IIIb-IV-V FS,SBB,OBB,DB
 
PM Email  Top
view post Posted on 13/1/2013, 13:24 Quote
Avatar

Utente che Supporta Attivamente il Forum

Group:
Member
Posts:
6,732
Location:
Parma

Status:


Ragazzi... Tiro su questa discussione per anticiparvi gli studi che sto facendo.

Il circuito sarà quello di Pierluigi, alimentato a 1,5 V da un integrato LM 317, con presa corrente dai binari.

lo studio è relativo, non tanto al funzionamento del lampeggio (non dubito di questo), ma alla temperatura dell'integrato che dovrà dissipare 10,5 Volts con alimentazione C.C. e 16,5 volts in DCC.
Vi farò sapere.

Roberto Alinovi

Plastico H0 in costruzione, epoca III-IV
 
PM Email  Top
view post Posted on 26/1/2013, 01:51 Quote
Avatar

Utente che Supporta Attivamente il Forum

Group:
Member
Posts:
1,599
Location:
Brescia

Status:


CITAZIONE (roy67 @ 13/1/2013, 12:24) 
Ragazzi... Tiro su questa discussione per anticiparvi gli studi che sto facendo.

Il circuito sarà quello di Pierluigi, alimentato a 1,5 V da un integrato LM 317, con presa corrente dai binari.

lo studio è relativo, non tanto al funzionamento del lampeggio (non dubito di questo), ma alla temperatura dell'integrato che dovrà dissipare 10,5 Volts con alimentazione C.C. e 16,5 volts in DCC.
Vi farò sapere.

Sono curioso, io non mi sono posto più di tanto il problema dissipazioni visti gli esigui consumi... 20ma per led e di solito ne va uno alla volta.

Teo
imageimageimageimagese son grossi... spaccano!!! anche i...
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 26/1/2013, 02:06 Quote
Avatar

Utente che Supporta Attivamente il Forum

Group:
Member
Posts:
6,732
Location:
Parma

Status:


In effetti non dovrebbe scaldare tanto... Però... Voglio verificarlo ;)

Roberto Alinovi

Plastico H0 in costruzione, epoca III-IV
 
PM Email  Top
77 replies since 7/7/2010, 23:29
 
Reply